YOGA E AYURVEDA: NON SERVE ALTRO.

YOGA E AYURVEDA

Non serve altro

 

La pratica dello Yoga può diventare un ottimo mezzo per preservare o recuperare una buona salute fisica e mentale.

Soprattutto se abbinata alla medicina ayurvedica, l’antica medicina tradizionale indiana, che rappresenta il naturale complemento dello Yoga. Lo Yoga e l’Ayurveda, infatti, insieme formano un sistema ideale e completo per la salute e il benessere sia del corpo che della mente.

Per chi pratica Yoga, conoscere l’Ayurveda è molto importante perché tale conoscenza consente di comprendere il funzionamento del corpo, secondo un modello energetico molto sofisticato, e del prana, l’energia vitale.


I biotipi.

biotipi dosha ayurveda

biotipi dosha ayurveda

Nell’Ayurveda si dà grande importanza al fattore psicologico in sede di comprensione, diagnosi e trattamento dei disturbi fisici, in particolare con la definizione dei biotipi e delle rispettive caratteristiche psicofisiche. Il biotipo vata è leggero, variabile e mobile; il biotipo pitta è vitale, intelligente ed un leader naturale; il biotipo kapha è tranquillo, forte e stabile.

A tal proposito, l’Ayurveda attraverso lo Yoga tratta la mente nei suoi aspetti psicologici ma anche ad un livello superiore, ossia per risvegliare la coscienza, raggiungere la felicità, il benessere e l’armonia.

L’integrazione dello Yoga con l’Ayurveda consente allo Yoga di esprimere completamente il suo potenziale di pratica salutare e benefica ed all’Ayurveda di manifestare tutto il proprio potenziale spirituale.

Lo Yoga e l’Ayurveda reintegrano tutti i poteri di guarigione della natura attraverso i 5 elementi: la terra, l’acqua, le piante, il sole, la luna. Dunque mettendo insieme i due sistemi si ottiene un metodo assolutamente completo in tutti gli aspetti dell’essere vivente.

Yoga e Ayurveda sono scienze sorelle che si sono sviluppate insieme e nel corso della storia si sono influenzate ripetutamente l’una con l’altra.

Lo Yoga è soprattutto e per prima cosa una scienza di autorealizzazione. Si interessa della pratica spirituale, soprattutto della meditazione, per portarci al di là del dolore e dell’ignoranza che sperimentiamo nel mondo.

Lo scopo dell’Ayurveda è di alleviare le malattie corporee mentali e promuovere il benessere fisico e psicologico. Ma la meta ultima dell’Ayurveda classico, come del resto dello Yoga classico, è l’autorealizzazione, la forma più elevata di autoguarigione.

L’Ayurveda ci indica il modo per ottenere una salute ottimale, non per godere solo delle cose esteriori, ma per dare un sano fondamento e avere sufficiente energia per proseguire la ricerca yogica.

Il legame fra lo Yoga e l’Ayurveda è il Prana, la forza vitale. Lo Yoga è l’intelligenza del Prana che cerca sempre maggiori trasformazioni evolutive, mentre l’Ayurveda è il suo potere di guarigione che cerca di rafforzare i sistemi vitali che già ha sviluppato.”
(“Yoga e Ayurveda”, di David Frawley, ed. il punto d’incontro)

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Follow by Email
Instagram

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami