I Sette Chakra

I Chakra: i sette punti dell’energia

Scopri cosa sono i chakra e la loro funzione nel tuo organismo

La disciplina Yoga è una disciplina che riconosce l’esistenza di un corpo energetico, strettamente connesso al corpo materiale da punti vitali che formano il sistema dei sette chakra: i centri energetici situati in corrispondenza di punti specifici del nostro organismo, il cui equilibrio può influire in modo significativo sulla nostra salute e sul benessere psico-fisico degli individui. Infatti, nella visione orientale, non c’è separazione tra mente e corpo. Dunque, anticamente, la meditazione sui chakra era soprattutto una pratica potente di elevazione spirituale ma si sono anche scoperti, con la mente focalizzata su questi punti energetici, corrispondenze ed effetti anche sul corpo biologico.

Quando l’energia dei chakra fluisce liberamente, riesce a penetrare tutti gli strati dell’aura. Se il chakra è “bloccato”, l’energia trova un ostacolo e non riesce a permeare gli strati dell’aura, generando di riflesso anche uno squilibrio a livello fisico, o a livello mentale e spirituale, o di entrambi.

Vuoi capire cosa sono i chakra e come agiscono? In questo articolo troverai delle informazioni che ti aiuteranno a comprendere meglio cosa sono i chakra e come funzionano, per alimentare il benessere generale dell’organismo e favorire l’equilibrio psicho-fisico delle persone.

Chakra e Prana

Secondo lo yoga, un essere umano è costituito da una parte grossolana, ovvero il corpo, e una componente sottile energetica, chiamata prana. Il prana è un flusso di energia che si muove nel nostro corpo attraverso dei canali energetici detti nadi. Nel nostro corpo ci sono diversi tipo di nadi, ma le principali sono tre:

  • Sushumna.
  • Ida.
  • Pingala.

Sushumna è la nadi principale, che inizia il suo percorso alla base della spina dorsale e lo termina sulla sommità del capo, muovendosi in modo verticale. Le altre due nadi, Ida e Pingala, sono nadi secondarie che partono dalla base dalla colonna vertebrale e procedono a spirale, incrociandosi su sei chakra, fino a raggiungere il sesto chakra, Ajna, chiamato anche terzo occhio.

Lo scopo dello yogi concentrato nella disciplina del corpo energetico è quello di risvegliare l’energia che risiede alla base della colonna vertebrale, dove è situato il primo chakra, e di farla risalire lungo questo percorso energetico, attraversando ed illuminando tutti i sette chakra. Questo flusso energetico, chiamato kundalini, è infatti in grado di attivare e regolare il funzionamento dei chakra, generando armonia e conservando o ripristinando la salute psico-fisica dell’individuo, favorendo il benessere e l’equilibrio generale.

Il sistema dei sette chakra

I sette chakra sono associati all’energia dei cinque elementi che, secondo l’antica filosofia del Samkhya, sono i costituenti della materia: terra, acqua, fuoco, aria e etere. I chakra, in epoca recente e anche da illustri studiosi come C.G. Jung, vengono anche associati agli aspetti psicologici dell’evoluzione umana: dall’istinto di sopravvivenza fino alla trasformazione spirituale. Vediamo nel dettaglio quali sono i chakra e il loro funzionamento:

Muladhara, il Primo chakra – Muladhara significa “sostegno della radice”. Questo chakra, associato all’elemento terra, rappresenta l’istinto di sopravvivenza e il bisogno di sicurezza, ed è collegato all’appagamento dei bisogni umani primari. Viene spesso collegato al colore rosso, ad indicare la forza e l’energia. Muladhara è il chakra associato alle ghiandole surrenali, e può influenzare la salute di gambe, piedi, ano, retto, intestino crasso, coccige, denti e ossa.

Svadhisthana, il Secondo chakra – Svadhisthana significa “il proprio posto”. È il chakra sacrale e si trova all’altezza dei genitali. La sua energia è generata dalle cose dolci e appaganti della vita, come la sessualità, il desiderio e il piacere. Il secondo chakra rappresenta l’apertura e la scoperta verso l’altro. Il suo colore è l’arancione, simbolo di emozioni positive, successo e armonia interiore. Svadhisthana è il chakra associato alle gonadi e può influenzare la salute di genitali, reni, vescica e prostata.

Manipura, il Terzo chakra – Manipura può essere tradotto come “città del gioiello”. È il chakra del plesso solare, localizzato all’altezza dell’ombelico, e rappresenta l’individualità e la percezione di sé stessi. È il chakra relativo alla determinazione, alla forza di volontà e alla fiducia in sé. È associato al colore giallo, emblema della luce solare e della conoscenza. Manipura è associato al pancreas e può influenzare i processi digestivi ed il corretto funzionamento di stomaco, fegato, milza e cistifellea.

Anahata, il Quarto chakra – Anahata significa “non colpito”, per indicare un suono ottenuto senza percussione. È il chakra del cuore ed è considerato il centro dell’intero sistema energetico dei chakra. Questo chakra è il collegamento tra i tre chakra inferiori, legati agli aspetti più materiali della vita, e i tre chakra superiori, connesso alla spiritualità. Anahata dona la capacità di esprimere amore puro e incondizionato. È associato al colore verde, simbolo di equilibrio, compassione, amore per la natura e salute. Anahata è il chakra associato al timo e può essere connesso alle attività dei polmoni, cuore, sistema circolatorio e respiratorio.

Vishuddha, il Quinto chakra – Vishuddha significa “puro” ed è il chakra della gola. Questo chakra rappresenta la capacità di espressione, la capacità comunicativa e la creatività. Il suo colore è l’azzurro, metafora di verità, purezza e serenità. È il chakra associato alla tiroide e regola le attività di gola, collo, bocca, udito, esofago, parte alta dei polmoni e arti superiori.

Ajna, il Sesto chakra – Ajna significa conoscere, percepire e comandare, nel senso di esercitare un controllo sulla nostra mente. Il sesto chakra è localizzato al centro della fronte ed è chiamato anche il chakra del terzo occhio, in grado di percepire e svelare la realtà profonda delle cose. La funzione Ajna è quindi l’intuizione e la visione, l’immaginazione creativa, la capacità intellettuale e la memoria. È associato al colore indaco, emblema di saggezza e misticismo. Il sesto chakra è associato all’ipofisi e le parti del corpo ad esso connesse sono cervelletto, sistema nervoso, sistema ormonale, occhi, orecchie, naso e seno paranasale.

Sahasrara, il Settimo chakra – Sahasrara è il chakra localizzato sulla sommità del cranio, il suo significato è “mille petali”. È il centro della spiritualità e il collegamento tra la nostra parte spirituale e l’entità divina universale. Questo chakra è connesso all’apertura mentale e alla saggezza, intesa come conoscenza e ricerca. Il suo colore è il viola, metafora della ricchezza spirituale. Sahasrara è associato alla ghiandola pineale e può influenzare i ritmi di sonno-veglia, della fame e della sete, della temperatura corporea e della stimolazione dell’epifisi.

Atma Yoga. Scopri i sette punti di potere

In questo articolo hai avuto una sintetica spiegazione dei sette chakra e del loro funzionamento. Il nostro centro yoga organizza una giornata di approfondimento dedicata a questo argomento, intitolata “Yoga Chakra: lo Yoga e il corpo energetico” dove imparerai anche ad applicare la pratica degli asana dello Hatha Yoga alla scienza dei chakra. 

Dalle 10:00 alle 17.30 di domenica 19 maggio, ti offriamo la possibilità di approfondire:

  • I sette chakra
  • Le nadi
  • I plessi nervosi e gli organi associati ai chakra
  • Le posizioni yoga
  • Il respiro
  • I suoni seme (bijamantra)

E molto altro…

Conoscere i chakra consente di bilanciare le proprie energie e di individuare con maggiore chiarezza il motivo di alcuni stati emotivi e fisici negativi, agendo in modo pratico ed efficace per risolvere tali problematiche. Conoscere la propria energia e imparare a gestirla, rappresenta, inoltre, un enorme vantaggio per convogliare tale energia in modo positivo, per raggiungere gli obiettivi individuali e migliorare tutti gli aspetti della vita quotidiana. Che aspetti a migliorare la tua vita?

Contattaci per qualsiasi informazione, saremo felici di darti tutti i chiarimenti di cui hai bisogno.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Follow by Email
Instagram

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami